venerdì 11 maggio 2018

L'Angolo del Rockpoeta®: "Vestito Per Morire"

VESTITO PER MORIRE

Formaldeide
Metalli pesanti
Solventi e coloranti

Tu li indossi
E sei vestito per morire

Sostanze nemiche
Dentro indumenti mortali
Penetrano la nostra pelle
Come un amplesso non voluto
Una violenza invisibile
Silenziosa
Di cui nessuno ci parla
E dalla quale non sappiamo come proteggerci
Perché solo restando disinformati
Ingenuamente
Compreremo.

Allergie che colpiscono tutti,
Anche i più piccini
Non sono risparmiati da questa offesa alla vita.

Un'epidemia evitabile
Che riguarda quasi tutti.
La nuova peste chimica del terzo millennio

Sostanze invisibili
Che avvelenano
Indistintamente solo i più indigenti.

Due infatti sono le verità incontrovertibili:
Controlli difficili
E, ovviamente,
Più spendi più sei sicuro di essere al sicuro.

Vestiti tossici
Ci avvolgono in un abbraccio soffocante
E rilasciano veleni come quelli nei fiumi

Tossine nella pelle
Tossine nel cuore
Ma il veleno più potente
E' il rassegnato silenzio della gente.

DANIELE VERZETTI ROCKPOETA®

35 commenti:

iacoponivincenzo ha detto...

Credo che tanti di noi siano già vestiti per morire e non lo sappiano. Vestiti da morti, come ne ho sempre veduti con le mani congiunte sul petto e le spalle rattrappite dentro i legni della bara. Hai trovato parole svolazzanti e tènere anche con questo tuo argomento. Dico tuo perché sei il solo che io sappia ad affrontare temi scabrosi lasciandoli mai poggiare al suolo. Te l'ho detto così tante volte che forse sarebbe inutile, ma a me quando una cosa mi piace....mi piace.

Daniele Verzetti il Rockpoeta® ha detto...

PER VINCENZO: hai ragione siamo vestiti per morire in tanti sia metaforicamente che con i vestiti reali fatti con quelle sostanze. E cerchiamo di arrabbattarci per sopravvivere in una vita ed una società ostili. Quando mi commenti per me è sempre un evento per le parole toccanti e profonde che sai lasciare qui con grande sensibilità.

LaDama Bianca ha detto...

Ne so qualcosa. Mi capita spesso di avere fenomeni allergici sulla pelle, anche se acquisto capi di fibre non sintetiche (ma colorate chissà come!) e cosmetici ipoallergenici.

Daniele Verzetti il Rockpoeta® ha detto...

PER LA DAMA BIANCA: è un problema serio e purtroppo poco affrontato.

MikiMoz ha detto...

Mano a mano diventeremo immuni anche a questi nuovi veleni.
Forse perché saremo di plastica e silicio, forse perché anche noi saremo velenosi.

Moz-

Daniele Verzetti il Rockpoeta® ha detto...

PER MOZ: o forse ci estingueremo non sapendo evolverci verso questa svolta chimica nel nostro corpo.

Francesca A. Vanni ha detto...

Mi hai fatto venire in mente un recente approfondimento di Sky, proprio sui veleni che ci propinano quotidianamente nei cibi, nei vestiti, nelle medicine...
Una cosa mostruosa.
Mi chiedo se siamo o meno tutti delle cavie :-(
Bellissima poesia!

Cavaliere oscuro del web ha detto...

Un mondo pieno di veleni!
Saluti a presto.

Daniele Verzetti il Rockpoeta® ha detto...

PER FRANCESCA; vero, avevo visto anch'io quell'approfondimento. Grazie per il complimento :-)))

Daniele Verzetti il Rockpoeta® ha detto...

PER CAVALIERE; vero, ed ora si scopre che con essi ci vestiamo anche.

Sugar Free ha detto...

L'uomo rovina la natura, se stesso, gli animali... forse non ha capito che se uccide, avvelena, rovina qualsiasi cosa alla fine non resta niente!
Baci e complimenti per la poesia.

Daniele Verzetti il Rockpoeta® ha detto...

PER SUGAR FREE: grazie sono contento ti piaccia la poesia. Purtroppo l'uomo per il profitto avvelena anche se stesso e perfino nel vestirsi sceglie di farsi de male.

Carmine Volpe ha detto...

IL peggior veleno e il silenzio, queste sostanze sono in questi prodotti ma nessuno ne parla

Daniele Verzetti il Rockpoeta® ha detto...

PER CARMINE: vero, tranne queste due inchieste nessuno ne parla ed è vergognoso.

Patricia Moll ha detto...

A volte mi domando cosa c'è ancora di buono.
I prodotti del tuo orto? Ma le piogge son acide e bruciano le foglie, se prima non la fa il vicino trattando il suo di orto.
I prodotti bio? Ma se non ci trovo il vermetto nella pesca... mmm..dubbio!
Il funo fa male? Fuor di dubbio ma anhe respirare. Smog inquinamenti vari, e quei furgoni fermi al semaforo davanti a te e che sembrano forni crematori tanta è la scia nera che emettono.

Povero mondo!
Bravo Dani!!!!

Daniele Verzetti il Rockpoeta® ha detto...

PER PATRICIA: qualcosa di ancora genuino esiste, trovarlo è sempre più difficile. Grazie per i complimenti!

franco battaglia ha detto...

Ha ragione Miki...stiamo diventando immuni col tempo, o almeno lo spero.. oppure il moltiplicarsi di svariati tumori è un segno tangibile del disastro... per certi linfonodi maligni basta lavorare con una stampante a toner a fianco...
Sai che già un piatto di cozze ti imbottisce di microplastiche?

Maria D'Asaro ha detto...

"Sostanze nemiche
Dentro indumenti mortali
Penetrano la nostra pelle
Come un amplesso non voluto
Una violenza invisibile
Silenziosa"
La tua poesia: versi, tra prosa e vette liriche, per denunciare in modo accorato i mali sociali. Grazie.

Daniele Verzetti il Rockpoeta® ha detto...

PER FRANCO: purtroppo penso che la realtà sia più quella che affermi nella seconda parte del tuo commento. i tumori sono la prova di questo disastro. Ok, non mangerò più le cozze.

Daniele Verzetti il Rockpoeta® ha detto...

PER MARIA; ti ringrazio, un'analisi molto centrata.

Carlos Portillo - podi ha detto...

Dici che sia un problema poco affrontato,... per niente affrontato credo io.

podi-.

Daniele Verzetti il Rockpoeta® ha detto...

PER PODI: beh diciamo quasi per niente in effetti a parte due inchieste e la mia poesia non c'è altro.

Sari ha detto...

Oltre i vestiti, ci sono altri veleni che mettono in pericolo la nostra salute... parlo delle creme, dei deodoranti, dei bagnosciuma e delle salviette che vengono usate per tutto, anche quando il rimedio più semplice ed economico potrebbe essere una bottiglietta d'acqua. Dannosi sono anche gli ammorbidenti per il bucato che si depositano tra fibra e fibra in modo che anche un semplice tessuto di cotone non sia mai più tale, con tutti i malefici che potrebbero arrivare.
In nome della fretta si adottano comportamenti potenzialmente dannosi mentre dovremmo porci una domanda al momento di ogni acquisto: cosa c'è dentro? Vinta la pigrizia, la cosa diventa semplice... basta una foto sull'etichetta del prodotto, o del tessuto, per informarci chiedendo al web notizie sulle sostanze... e da qui orientare la scelta che esiste.
Sei sempre attuale ed incisivo e te ne ringrazio.
Ciao.

Anna Piediscalzi ha detto...

Alla Kay Scarpetta ^^ fantastico.

marcaval ha detto...

buon argomento ...e di cui non si parla mai.
Ultimamente ho fatto un pacco di magliette che non mi permettono di dormire, creano un prurito clamoroso.

Arwen Elfa ha detto...

Bel post Daniele ed argomento di cui si parla sempre troppo poco.
Molto triste la poesia ma davvero reale e toccabile con mano l'orrenda situazione.
Passata per un saluto.
Buon sabato pomeriggio, migliore continuazione del fine settimana appena iniziato ed ottimo resto di Primavera

Daniele Verzetti il Rockpoeta® ha detto...

PER SARI il tuo contributo è stato importante e molto istruttivo per tutti noi e lo condivido in pieno.

Daniele Verzetti il Rockpoeta® ha detto...

PER ANNA grazie!!!!

Daniele Verzetti il Rockpoeta® ha detto...

PER MARCAVAL bene buttale via.

Daniele Verzetti il Rockpoeta® ha detto...

PER ARWEN grazie per le tue parole e contraccambio il saluto

UnUomo.InCammino ha detto...

E' molto semplice: acquistare abiti e, in genere capi, calzature, accessori, etc. di qualità.
La qualità costa? Certo.
Ma un vestito di qualità dura anni e anni e lo puoi persino riparare, dura lustri!
Del tutto incompatibile con le mode consumistiche per cretini.
Non c'hai i soldi per comprarti tre stivali quest'anno e quattro anfibi l'anno prossimo!? Allora li prendi fatti con pelle marcia di pantegane, da schiavi bengalesi, pieni di metalli pesanti e poi fai chiudere il calzolaio artigiano sotto casa tua.
Prego.

Daniele Verzetti il Rockpoeta® ha detto...

PER UOMO IN CAMMINO: certo bisogna essere quelli ricchi che sfruttano la gente e sono quelli che producono quei vestiti che poi loro non indossano. E poi cmq il problema qui è che anche capi insospettabili anche se non costosi hanno queste sostanze. I vestiti fatti bene durano è vero ma non in eterno. Poi che le mode consumistiche per ebeti esistano e siano anch'esse fonte di problemi mi trova d'accordo, ma questo problema riguarda capi normali da prezzi medi non solo da cinque euro dai cinesi

MikiMoz ha detto...

Nahh, ci evolveremo, abbiamo ormai il gene dei Pokémon dentro di noi^^

Moz-

Tiziana Balestro ha detto...

Che pensieri! Come dice Patricia chissà cosa c'è rimasto di sano.
Complimenti per lo scritto.

Daniele Verzetti il Rockpoeta® ha detto...

PER TIZIANA di sano poco. Grazie per i complimenti e per essere passata.