lunedì 5 dicembre 2016

OPINIONE DEL ROCKPOETA®: Referendum, El Dia Despues

Perbacco! Scorro i post a ritroso e vedo che tranne forse in uno en passant non ho scritto molto sul Referendum appena vinto (ops così se non l'avevate ancora capito o non mi conoscete bene ora sapete come ho votato :-)!)

In realtà il mio parere credo fosse abbastanza chiaro per chi ancora mi segue ed inoltre su quel demoniaco di facebook qualcosina in più avevo scritto.  In realtà, bastava avere buon senso e voglia di non precipitare in un baratro autoritario per capire cosa votare. E le ragioni del NO erano anche nel merito della stessa riforma, piuttosto ben espresse da alcuni giornalisti e da molte aree politiche, cinquestelle in primis.

Ora, Renzi si è dimesso attraverso l'ennesimo e piacevolmente sperato colpo di teatro, così ben preparato da non riuscire a togliermi dalla testa che era stato già pianificato avendo contezza dell'esito, forse, attraverso i sondaggi commissionati da tutti i partiti anche nei giorni che precedevano il voto.

Oggi è  un nuovo giorno, un giorno importante perché tutti voi, tutti noi, abbiamo salvato la NOSTRA COSTITUZIONE!

E da oggi si torna in trincea contro questa casta, ma avendo maggiore consapevolezza della nostra forza come popolo e con rinvigorito entusiasmo.

PS: Perdonate lo spagnolo nel titolo ma per uno cresciuto anche ad Inti-Illimani, questa è la lingua della rivoluzione.
------------------------------------------------------------------------------------------
Per Votarmi Su OKNOtizie Clicca QUI

sabato 3 dicembre 2016

GIORNATA MONDIALE DELLA DISABILITA'

Sento molto questa giornata, E' difficile ogni anno trovare qualcosa di non banale da scrivere. Vi chiedo solo di chiudere gli occhi ed immaginare i disagi di chi è disabile e soffre. Dalle barriere architettoniche, alla discriminazione (episodi di bullismo compresi), fino al più comune e banale disinteresse. Ecco io non mi dimentico di loro, e non solo oggi.

Vi lascio con questo video di questa mia poesia che parla dell'annoso problema delle barriere architettoniche.

mercoledì 30 novembre 2016

L'Angolo del Rockpoeta® : Lotta (Alla Malattia) Ma Non Discriminazione

Il 1° dicembre è come oramai sempre da anni la giornata mondiale contro l'AIDS. Ed è di questi giorni la notizia che nell'UE una persona su 7 non sa neanche di essere stata infettata. Questa ragione è figlia di due errate convinzioni:

1) La prima che dopo anni di prevenzione e profilassi adeguate anche grazie ad un tam tam mediatico importante, la malattia fosse scomparsa dal mondo occidentale. Niente di più falso, la si può prevenire ma non certo abbandonando la profilassi necessaria altrimenti si ripresenterebbe ed infatti è ritornata più aggressiva che mai a svilupparsi da noi.

2) La bigotta morale cattolica che ha sempre discriminato i malati di AIDS. Questo non aiutò all'inizio il diffondersi di parole giuste per la prevenzione e non aiuta ora nel silenzio più totale a riparlarne.  E questo post è anche per ricordare che si deve lottare contro questa malattia ma senza discriminarne coloro che ne sono affetti.

Vi lascio con questa mia vecchia poesia che postai qui ben 9 anni fa ma attuale ancora oggi.

FRASEGGIO MORENTE

Salve a tutti
Hello Folks
Sono l’appestato di questo millennio.

Sono un paradosso esistenziale
Economicamente poverissimo
Ma necessitante 
Di cure…..“da ricchi”

Sono un “Aidsato”
Fresco neologismo 
Di disgustosa efficacia
Per indicare quelli come me.

Ma la sapete la novità?
Anche qui abbiamo malati di Serie “A”
Che meritano più compassione
E più attenzione
Ed altri che… .se lo sono meritato!

Bambini,
Frutti del peccato per la Nobile Chiesa
Innocenti nati dentro una pancia morta
Venuti alla luce con difficoltà estrema
A causa di una scarsa visibilità
dovuta ai fumi dell’alcol 
ed all’offuscamento dell’eroina.

Ma sono lo stesso colpevoli.

E poi ci siamo noi

1985, i miei primi 15 anni
ancora si sa poco o nulla 
di questo flagello.

Una cosa però io la so. Amo i ragazzi.

Stessa età,
stesso desiderio e curiosità 
di voi eterosessuali.

Di te, 
giovane ragazza inquieta
E di te
Allupato quindicenne
che scopri i primi brividi
dell’innamoramento.

Ma di altro non si sapeva 
Io non lo sapevo.

Tutto splendido.

Per anni la mia vita continua
Normale
Storie ordinarie
Come tutti.

Ma dieci anni dopo 
La svolta

Sento le mie forze 
Cedere sempre più frequentemente
Mi controllo.

E la Realtà non mi lascia più scampo.
Le analisi parlano chiaro.

È conclamato
Più niente da fare
Solo cercare di limitare 
I danni 
E le sofferenze

Ma i soldi mancano.

E manca
Soprattutto
L’appoggio ed il sostegno umano
Della gente.

Di tutti
Anche dei miei…. “simili”

Pochi accanto a me
Non la mia famiglia
Solo un paio di amici veri.

2005: 35 anni
e dimostrarne 80.

Avere 35 anni
Senza più la forza
Di urlare la mia rabbia
Il mio dolore
La mia paura di morire.

E
Anche se mi sto sdraiando
Qui
Per terra
Non sono per niente stanco
Non sono per niente stanco
Per… niente… stanco…

Ho solo freddo 
Tanto freddo
F r e d d o...

DANIELE VERZETTI ROCKPOETA® 
--------------------------------------------------------------------------------------
Per Votarmi Su OKNOtizie Clicca QUI

giovedì 24 novembre 2016

STOP VIOLENCE AGAINST WOMEN

Giornata contro la violenza sulle donne: lo so, si rischia di ripetere le stesse cose ogni volta, ma il dramma che deve far riflettere è proprio quello, ossia che ogni anno, sia pure magari a volte con qualche leggero positivo miglioramento, si denunciano sempre gli stessi problemi. Questo perché poco o nulla ancora si fa per cambiare la testa di noi uomini.

venerdì 18 novembre 2016

OPINONE DEL ROCKPOETA®: Tassazione Post Mortem

De Luca è un femminicida: prima vuole morta Rosy Bindi e poi per ragioni venali, la Costituzione Italiana, donna bellissima e speciale che protegge il nostro vituperato Paese da invertebrati maiali che lo vogliono divorare come un cancro.

Ovviamente questa affermazione di De Luca (alludo a quella sulla Bindi) è da condannare, ma parlando di uccisioni e quindi di morte non posso non collegarmi ad una proposta del Governo, proprio sulla morte, che trovo disgustosa.

Se questa proposta passasse,  come viene ben spiegato nell'articolo qui linkato, ad ogni funerale di un nostro caro, oltre a scomparire l'esenzione IVA, ci sarebbero da pagare 30 euro in più "per ogni funerale celebrato e per ogni operazione cimiteriale a pagamento che verrà utilizzato per coprire gli oneri per la vigilanza e il controllo delle norme per le attività funebri nel territorio comunale."

Inoltre questa vera e propria, come già è stata soprannominata, "tassa sulla morte", prevede, come viene sempre spiegato nel succitato articolo, "il superamento dell'attuale esenzione fiscale per alcuni servizi, ad esempio le spese funebri, e il loro assoggettamento all'Iva ad aliquota ridotta del 10% e di pari passo un aumento della soglia di detrazione Irpef, compensata dalla previsione di forme assicurative specifiche riguardanti l'ambito funebre e dall'estensione della cifra detraibile sulle spese funebri per il 50%."

Che dire, ritorneremo presto alle fosse comuni per chi non avrà i soldi per poter dare degna sepoltura ai suoi cari?
-----------------------------------------------------------------------------------------
Per Votarmi Su OKNotizie Clicca QUI

mercoledì 16 novembre 2016

OPINIONE DEL ROCKPOETA®: Disabilità, Non Interessa A Nessuno.

E' vergognoso che il Governo se ne freghi! E' scandaloso che questo servizio non vada in onda in tv. E' assurdo che queste cose succedano in questo Paese.
Guardate il video a questo link
-------------------------------------------------------------------------------------
Per Votarmi Su OKNOtizie Clicca QUI

OPINIONE DEL ROCKPOETA®: Come Fingere La Lotta All'Evasione.

Non è così che si combattono davvero e con ferocia l'evasione ed il sommerso, sono solo palliativi che possono prendere nella rete persone anche innocenti che hanno prelevato di più in quel singolo periodo per esigenze personali.

E' vero che si dice che questi controlli scatterebbero "nel caso di prelievi troppo frequenti e sostanziali", ma sapete meglio di me che l'interpretazione delle parole e delle leggi talvolta crea equivoci (per usare un eufemismo) di rilevante portata. E come sempre, l'onere della prova è invertito ossia spetta a voi dimostrare la vostra innocenza e non al fisco la correttezza delle sue accuse.

Ora, non dico che anche queste misure non possano essere utili, ma le vedo isolate e come tali in grado solo di ingenerare equivoci e non capaci di accalappiare i veri evasori cattivino. Il vero contante nascosto non sta nei conti correnti. Se lo prelevi da lì quei soldi sono già tracciati, a prescindere per cosa li spenderai. Se hai evaso non l'hai fatto spendendoli ma nascondendo quel guadagno. E per quanto riguarda il sommerso, difficile che un singolo individuo abbia spese in nero di quell'entità e quindi è difficile che possa incorrere in tali controlli.

Quindi eccoci costretti a tenere tutto trasformando le nostre abitazioni in un archivio vivente. Ripeto, per combattere l'evasione i mezzi ci sono e sono altri. Magari non condonando di fatto chi porta i capitali all'estero per farlo rientrare affinché lasci un obolo allo Stato con tanto di pacca sulla spalla.
---------------------------------------------------------------------------------
Per Votarmi Su OKNOtizie Clicca QUI