mercoledì 31 gennaio 2018

OPINIONE DEL ROCKPOETA®: La Privacy Secondo Loro

Ormai il problema è annoso ma non passato di moda, anzi, bisognerebbe sollevarlo più spesso perché ci riguarda molto da vicino: la privacy.

Questo principio è mutevole a seconda di chi deve essere tutelato e di chi vorrebbe violarlo.

Se siamo noi comuni mortali a voler avere un'informazione perfino su noi stessi a volte, senza un documento o un controllo su dati personali di cui solo noi dovremmo essere a conoscenza, non si può sapere nulla.  Però, se a violare questo principio sono "loro", (ossia non solo autorità ma anche multinazionali, pubblicitari , call center, ecc…) allora è tutto diverso.

E' notizia di ieri che potrebbero esserci degli schermi pubblicitari nelle stazione ferroviarie dotati di telecamera nascosta per osservare le nostre reazioni al messaggio riportato. E questo varrebbe anche per quegli schermi che cambiano immagine e spot e quindi contengono più messaggi pubblicitari.

Ora sembra che il garante stia intervenendo chiedendo almeno di segnalare obbligatoriamente la presenza della suddetta telecamera, ma resta il fatto che è osceno che nessun soggetto interessato (compresi i vertici di FS) si sia posto il problema ab origine.

Cmq nel dubbio, per adesso, se vi doveste trovare all'interno di una stazione ferroviaria sospettando che quella pubblicità abbia una telecamera per vedere le vostre reazioni, suggerirei un bel dito medio per salutarla.

30 commenti:

Cavaliere oscuro del web ha detto...

La privacy è un optional per noi comuni mortali, mentre viene tutelata solo per i potenti.
Saluti a presto.

Daniele Verzetti il Rockpoeta® ha detto...

PER CAVALIERE: Verissimo

Cri ha detto...

Beh, quanto meno vedrebbero la mia totale indifferenza alla pubblicità, tiè! Ovviamente scherzo, la nostra privacy ci sta sempre più sfuggendo di mano, i nostri dati sono il nuovo oro e non so fino a che punto sarà ormai possibile tutelarci.

Daniele Verzetti il Rockpoeta® ha detto...

PER CRI: in parte ancora lo è, ma in effetti è sempre più difficile riuscirci. E tutto questo è vergognoso.

Anna Piediscalzi ha detto...

La privacy è morta nell'istante esatto in cui è nata l'ADSL e forse forse anche prima.

Daniele Verzetti il Rockpoeta® ha detto...

PER ANNA: è morta per un uso distorto della rete da parte di tutti e di soprattutto di chi vuole sottrarci la nostra vita privata.

Francesca A. Vanni ha detto...

E intanto i treni deragliano, ci sono incidenti strutturali... però, che bel sistema!

Daniele Verzetti il Rockpoeta® ha detto...

PER FRANCESCA: è l'intera società che sta deragliando

Remigio ha detto...

Ma oggi c'è davvero qualcuno interessato alla privacy? Se andiamo ad analizzare certe trasmissioni televisive, sembrerebbe proprio di no! Visto che tutti fanno a gara per apparire in televisione e spiattellare i loro fatti più intimi. La gente appena vede una telecamera, si mette in mostra. E poi, vogliamo parlare dei telefonini? Nessuno ha difficoltà a parlare ed a svelare in pubblico, ad alta voce, anche le cose più riservate. Quindi...

Daniele Verzetti il Rockpoeta® ha detto...

PER REMIGIO: è vero, molti sono così ma non tutti. E poi cmq un conto è scegliere liberamente comportamenti che io detesto fortemente ma che molti amano, un conto è essere spiati senza saperlo. Il consenso o il desiderio di farsi vedere restano essenziali rispetto al non essere a conoscenza del fatto che ti stanno riprendendo. E poi, in questo caso, è un modo per poter sviluppare meglio il marketing e la scelta di prodotti su cui puntare quindi senza il consenso o la conoscenza della presenza di una telecamera non è possibile ammetterlo secondo me.

MikiMoz ha detto...

Io già faccio ovunque "dito medio" in presenza di telecamere XD
Comunque, sai una cosa? Nell'epoca dei social e dell'apparire, questa cosa potrà passare anche come "gloria del momento" del tipo: wow mi hanno ripreso!
Certo, il cartello che segnala le videocamere è obbligatorio.

Moz-

iacoponivincenzo ha detto...

È la solita porcata, l'ultima in ordine di tempo.
Io preferisco segnalare il mio disgusto un po' più chiaramente, alla tedesca: mi girerò di schiena, tirerò giù le brache e mostrerò il culetto.

Daniele Verzetti il Rockpoeta® ha detto...

PER MOZ; Vero, per qualcuno potrebbe essere l'ennesima opportunità per i suoi tristissimi 15 minutes. Che tristezza.

Daniele Verzetti il Rockpoeta® ha detto...

PER VINCENZO; ehm ma in pubblico è complicato, certo fa molto Burt Simpson. Ti sto immaginando e sto ridendo di gusto!!! Ma come si dice in tedesco "Ciucciami il calzino"?

Anke Agata Russo ha detto...

Ma... ma...
Dico, e poi?
Mettiamo anche le telecamere in casa delle persone come hanno vedere nell'ultimo documentario di Morgan Freeman???
Che roba assurda, voglio vivere in un eremo lontano da tutto e tutti.

Daniele Verzetti il Rockpoeta® ha detto...

PER ANKE: stiamo sempre più andando verso una società che ha perso il senso della misura e del rispetto del prossimo, nonché della comunità. Concordo, con te, siamo ai confini dell'assurdo e forse li abbiamo già oltrepassati.

Patricia Moll ha detto...

Io pensavo ad una pernacchia ma anche il medio non è male come idea :)

Siamo alla follia pura ormai! I limiti abbondantemente superari

Daniele Verzetti il Rockpoeta® ha detto...

PER PATRICIA: il mio dubbio sulla pernacchia nasce dal fatto che non so se è una telecamera anche con l'audio e quindi una pernacchia muta è poco efficace a mio avviso :-)))

Patricia Moll ha detto...

Come diceva la mia bimba da piccola " non ci avo pensato" ahhahahahah
Giusto! Senza audio perde in qualità! ahahhah

Daniele Verzetti il Rockpoeta® ha detto...

PER PATRICIA: infatti, ma cmq cercherò di indagare, perché se esistesse anche l'audio, la pernacchia sarebbe efficacissima :-)))

iacoponivincenzo ha detto...

Il tedesco non è così raffinato come te. Vedi la calata di brache che letteralmente significa leccami il c*** in hoch deutsche "leck mich am Arsch". Volgarotto, ma efficace. Noi ce la sbrighiamo con il nostro vaffa che si sta internazionalizzando.

Daniele Verzetti il Rockpoeta® ha detto...

PER VINCENZO: "leck mich am Arsch" annoto :-)))

Mariella Esseci ha detto...

No ragazzi, comprendo il problema ma mi sto sbellicando solo al pensiero di Iacoponi in brache abbassate. Perché lui lo farebbe eccome se lo farebbe😃😃😃

Daniele Verzetti il Rockpoeta® ha detto...

PER MARIELLA: eh sì lo penso anch'io :-)))

Gianna Bonacorsi ha detto...

La privacy, che un tempo era un diritto, ora non è più nemmeno una “norma sociale“. Ormai si può dire che sia diventata quasi un’illusione, un ricordo, siamo costantemente monitorati per capire i nostri gusti e poterci vendere i prodotti giusti, la nostra vita viene “spiattellata” su Facebook con tanto di foto e video, passeggiando per le vie e le piazze delle nostre città non c’è più angolo che non abbia in alto piazzata una telecamera che riprende tutto giorno e notte. E’ per la sicurezza, dicono. Ma è anche per il controllo.
Mi è venuto in mente un articolo letto tempo fa che sosteneva la tesi seguente: i dati personali raccolti e gestiti dai vari operatori quali Apple, Microsoft eccetera ai giorni nostri sono molti di più e, per certi versi, molto più “personali” di quelli che qualunque dittatore abbia mai potuto sognare. Allucinante vero?
Personalmente ho fatto una scelta: non nascondere niente. Non è rassegnazione, ma la convinzione che non esista un livello di protezione dei dati personali così assoluto da impedire di far conoscere tutto quello che ogni giorno faccio sia al computer che nella vita alle varie forme di espressione del potere. Perché sfuggire alle intromissioni indebite è tanto difficile quanto lo è avere la garanzia che la Legge ci possa tutelare in merito. E' una constatazione di fatto, il famoso “chi controlla il controllore”. Nessuno.
Quindi, che sappiano tutto, così i moderni guardoni forse non perderanno i profitti che fanno sulla nostra pelle, ma almeno il gusto di essere chissà quali spie, quello sì lo perderanno.

Daniele Verzetti il Rockpoeta® ha detto...

PER GIANNA interessante riflessione solo che la sfera privata può riguardare anche lo stato di salute per es. e altri aspetti che cmq sono strettamente personali e che non è giusto cche siano a conoscenza di tali soggetti. Il fatto che Apple e altri abbiano su di noi più notizie di dittatori del passato nasce dalla forza invasiva delle tecnologie e dall'uso distorto che se ne fa. Pensa ai sono che perfino un privato con mille euro può tranquillamente acquistare...

Kukuviza ha detto...

Sopporto sempre meno la pubblicità di oggi. Non mi piace la tecnica dello storytelling dove la pubblicità è inserita subdolamente all'interno di altri contenuti così come non mi piace questo discorso del perfezionare la pubblicità secondo le tecniche di neuromarketing. Credo che questa cosa degli schermi rientri in questo secondo caso, con l'aggravante che uno viene leso della sua privacy. Però poi se devono mettere una telecamera per sicurezza ti dicono che non hanno soldi.

Daniele Verzetti il Rockpoeta® ha detto...

PER KUKUVIZA: molto colpito dal fatto che conosci la vergognosa tecnica del neuromarketing. io ne avevo scritto già 7 anni fa quando si iniziava a parlarne e precisamente qui:http://agoradelrockpoeta.blogspot.it/2011/09/langolo-del-rockpoeta-neuromarketing.html

Kukuviza ha detto...

E addirittura leggevo di tecniche per scrivere libri in base a quello che il lettore percepisce meglio. Come se tu scrivessi una poesia non in base a quello che vuoi comunicare ma in base a quello che funziona di più tra i lettori.

Daniele Verzetti il Rockpoeta® ha detto...

PER KUKUVIZA; Vergognoso. Una cosa, questa, che non farei mai.